Escursioni e Trekking

Itinerari Alta Via dei Monti Liguri

Pianifica il tuo trekking di più giorni sui sentieri del nostro Parco attraverso le tappe della famosa Alta Via dei Monti Liguri

Scarica gli altri itinerari nel Parco con la nuova APP gratuita

Nella sezione ITINERARI della APP PARCO ALPI LIGURI per iOS e Android trovi altri percorsi, dal Sentiero del Parco lungo tutta l’area protetta agli itinerari ad anello 

Con un lavoro in graduale progressione e grazie anche all’apporto della Provincia, è stato individuato un sistema di percorsi escursionistici che coinvolge tutta l’area Parco. Tale rete di itinerari di media-lunga percorrenza costituisce base di appoggio anche per la più articolata offerta di passeggiate ed escursioni d’ambito locale, generalmente a carattere giornaliero. Attraverso sentieri, strade secondarie e sterrate è possibile spostarsi da una valle all’altra utilizzando antichi percorsi di crinale oggi ripristinati, che offrono magnifici panorami a 360° sulle Alpi Liguri e il mare. L’Alta Via dei Monti Liguri rappresenta l’arteria principale corrente a nord, che crea relazioni dirette con la GTA e la Via Alpina, i territori confinanti delle province di Cuneo, Savona e il dipartimento francese delle Alpi Marittime, collegato alle valli imperiesi tramite anelli transfrontalieri. Dal Colle di Nava alla Gola del Corvo, il tracciato dell’Alta Via coincide con quello della Via Alpina; da non perdere le tappe che coinvolgono i massici montuosi del Saccarello-Frontè e del Toraggio-Pietravecchia, senza dubbio fra i più spettacolari dell’intero percorso regionale.
Colle di Nava - San Bernardo di Mendatica

Colle di Nava-San Bernardo di MendaticaDal Colle di Nava (934 m s.l.m.) si raggiunge il Forte Pozzanghi, in posizione panoramica, e da qui la Colla dei Boschetti (1229 m s.l.m.), lungo la dorsale Arroscia-Tanarello e la SP di collegamento Colle di Nava-San Bernardo di Mendatica.
Dalla Colla si può scegliere di seguire la Provinciale, più diretta e meno variegata dal punto di vista altimetrico.

Difficoltà: facile

Tempo di percorrenza: 3h circa

San Bernardo di Mendatica – Rifugio Sanremo

San Bernardo di Mendatica-Rifugio SanremoDal Colle San Bernardo (1263 m s.l.m.) si sale fra i boschi della Val Tanarello seguendo lo spartiacque del torrente. Superati il Passo e la Cima Garlenda (2141 m s.l.m.) si giunge al Rifugio Sanremo (2054 m sl.m. – incustodito, proprietà CAI Sanremo).

Difficoltà: impegnativo

Tempo di percorrenza: 3h / 3h e 30min circa

Rifugio Sanremo – Rifugio Allavena

Rifugio Sanremo-Rifugio Allavena (da web)Siamo sull’Alta Via dei Monti Liguri, fra la Cima Garlenda e il Monte Saccarello: una cresta lunga più di 4 km, con panorami a 360° sulle Alpi e sul mare. Al Passo del Saccarello (2145 m s.l.m.), l’Alta Via prosegue sulla dorsale di collegamento fra la Valle Argentina e la Val Roia. Tramite mulattiera si giunge al Passo di Collardente (1601 m s.l.m.) e si prosegue sul lato francese fino alla Bassa di Sanson (1679 m s.l.m.). Fra boschi e radure si superano la Bassa di Marta e la Sella d’Agnaira, per scendere infine a Colle Melosa (1540 m s.l.m.) e al Rifugio Allavena (custodito e attrezzato).

Difficoltà: molto impegnativo (in inverno consigliato solo ad escursionisti esperti, muniti di ramponi e piccozza)

Tempo di percorrenza: 5h e 30min / 6h e 30 min circa

Rifugio Allavena – Gola di Gouta

Rifugio Allavena - Rifugio Gola di Gouta (da FB)Cime rocciose e boschi di larici ricordano qui i paesaggi dolomitici, anche se ci troviamo a soli 20 km in linea d’aria dal mare. Dal Rifugio Allavena si sale alla Sella d’Agnaira per raggiungere il Passo della Valletta (1909 m s.l.m.); si continua sul versante francese, lungo un sentiero che percorre i fianchi occidentali del gruppo montuoso Toraggio-Pietravecchia.
Giunti al Passo di Fonte Dragurina (1821 m s.l.m.) si torna sul lato italiano e si scende alla Gola del Corvo (1403 m s.l.m.), all’incrocio fra Alta Via dei Monti Liguri e Via Alpina. Arrivati al Rifugio Muratone (incustodito) e al passo omonimo, si continua su strada sterrata fino al Colle Scarassan (1224 m s.l.m.) e si raggiunge il Rifugio Gola di Gouta (1213 m s.l.m. – custodito).

Possibili completamenti dell’itinerario:

  1. dalla Gola di Gouta si torna al Colle Scarassan e si prosegue sull’Alta Via che, in altre due tappe, termina a Ventimiglia;
  2. si segue la strada per Margheria dei Boschi e il Rifugio Paù (chiuso), poi si scende a sinistra sul sentiero segnalato della Valle Barbaira fino a Rocchetta Nervina;
  3. si raggiunge su strada o sentiero il borgo di Pigna, da dove si può proseguire in autobus sino a Ventimiglia.

Difficoltà: impegnativo

Tempo di percorrenza: 5h e 30min / 6h e 30 min circa

Gola di Gouta – Rocchetta Nervina

Gola di Gouta-Rocchetta NervinaDalla Gola di Gouta (1213 m s.l.m.), il sentiero conduce alla Foresta Demaniale di Testa d’Alpe, che si estende a cavallo del confine con la Francia, con microclimi caratteristici degli ambienti montani, continentali e freddi; continuando verso sud, si incontrano anche resti di costruzioni militari edificate nel corso degli ultimi eventi bellici. Superata la Fontana dei Draghi (1470 m s.l.m.), il sentiero prosegue su tracciato in posizione panoramica fino alla Fontana Povera (1170 m s.l.m.) e alla strada militare. Da qui si può arrivare a Rocchetta Nervina lungo il sentiero che attraversa la valle del Rio Barbaira.

Difficoltà: facile

Tempo di percorrenza: 2h circa

Torrente Barbaira

Torrente BarbairaDa Rocchetta Nervina (230 m s.l.m.) si intraprende la mulattiera che risale la valle del Torrente Barbaira: superata la chiesetta di San Bernardo, si continua fino all’edicola di Santo Stefano, in posizione panoramica sul torrente; lasciato a sinistra il Ponte Cin, si raggiunge il Ponte Paù, dove il Torrente Barbaira forma ameni laghetti. Giunti qui si può proseguire su sentiero segnalato fino al Rifugio Paù e all’Alta Via dei Monti Liguri.

Difficoltà: facile

Tempo di percorrenza: 1h e 30min circa fino ai laghetti

Foresta di Gouta

Foresta di GoutaI Boschi di Gouta si raggiungono poco prima dell’abitato di Pigna, attraverso il bivio per la Gola di Gouta (1212 m s.l.m.), dove si trova il rifugio: qui si arriva sullo spartiacque fra Val Nervia e Valle Barbaira, ed è possibile fare escursioni su sentieri e piste forestali. Attraverso una strada sterrata, si giunge in mezz’ora di cammino al Colle Scarassan (1224 m s.l.m.) e all’Alta Via dei Monti Liguri.

Difficoltà: molto facile

Tempo di percorrenza: 30min circa

Anello Toraggio - Pietravecchia

Anello Toraggio-PietravecchiaDa Colle Melosa (1540 m s.l.m.), raggiungibile da Molini di Triora dopo aver superato la Colla di Langan (1225 m s.l.m.), si può effettuare un magnifico percorso ad anello che interessa alcune fra le principali attrattive dell’area Parco: lo storico Sentiero degli Alpini e il gruppo Montuoso Toraggio-Pietravecchia.

Dal Colle si segue fino al primo tornante la strada battuta per il Monte Grai: si prende poi il sentiero a sinistra, che taglia un pendio roccioso ed entra nel bosco; dopo una lieve discesa ci troviamo all’inizio del Sentiero degli Alpini (vedi itinerario dedicato), costruito sul versante meridionale del Monte Pietravecchia, con tratti scavati nella roccia e punti protetti da cavi metallici. Superata una serie di tornanti si sale alla Gola dell’Incisa (1685 m s.l.m.), sulla cresta di confine con la Francia. Continuando sul versante italiano, si taglia il fianco nord-orientale del Monte Toraggio e, poco oltre, quello meridionale, sino al Passo di Fonte Dragurina (1821 m s.l.m.). Sulla destra si può fare una breve deviazione per raggiungere la cima del Toraggio (1973 m s.l.m.); tornati al Passo si segue l’Alta Via dei Monti Liguri nella parte francese, toccando una seconda volta la Gola dell’Incisa: si aggira il Monte Pietravecchia e si rientra in Italia attraverso il Passo della Valletta (1909 m s.l.m.). Su strada o sentiero si torna infine a Colle Melosa.

Difficoltà: molto impegnativo

Tempo di percorrenza: 6h / 7h circa per l’intero anello

Il Sentiero degli Alpini

Sentiero degli AlpiniFra il 1936 e il 1938 gli Alpini si trovarono nella necessità di aprire, per motivi strategici, un passaggio sul versante sud del Monte Pietravecchia che fosse ampio a sufficienza per consentire il passaggio di vettovaglie e muli carichi di armi: utilizzarono picconi ed esplosivo, in bilico su strapiombi e gole aperte nella roccia, per realizzare l’opera bellica più ardita del Ponente Ligure. Dopo la Seconda Guerra Mondiale il sentiero fu abbandonato, ma venne riscoperto dagli escursionisti e ripristinato grazie alle locali sezioni CAI.

Da Colle Melosa si segue la strada in terra battuta per il Monte Grai; giunti al tornante, nei pressi della Fontana Itala, si imbocca a sinistra un sentiero che attraversa l’alveo roccioso di un piccolo torrente. Superato un secondo rio, si sale fino ad un bivio e si continua a sinistra verso il Sentiero degli Alpini: costeggiando i primi bastioni di roccia, si oltrepassa una fonte e si attraversa una breve galleria; il sentiero prosegue con diversi saliscendi, tagliando le bastionate inferiori del Monte Pietravecchia, con tratti scavati nella roccia e altri protetti da cavi d’acciaio. Si sale poi alla Gola dell’Incisa, fra il Monte Pietravecchia e la cresta nord del Monte Toraggio, percorrendo altri tratti esposti fino ad incontrare l’Alta Via dei Monti Liguri. Giunti sui prati del Passo della Valletta, si abbandona l’Alta Via e si scende sul versante opposto, attraversando la vecchia strada militare: si gira a sinistra e si giunge ad un tornante della rotabile che da Colle Melosa sale al Monte Grai. Trascurando la strada, si scende a destra nel bosco fino ad un’ampia sella, quindi si piega verso nord e si continua a scendere in diagonale tra i larici. Dopo aver attraversato un tratto roccioso, si trova nuovamente la rotabile: seguendola in discesa si ritorna infine a Colle Melosa.

Difficoltà: molto impegnativo

Tempo di percorrenza: 6h circa

Monte Saccarello

Monte SaccarelloDa Verdeggia (frazione del Comune di Triora, 1096 m s.l.m.) si può salire tramite mulattiere e sentieri fino al Passo di Collardente, sullo spartiacque fra Valle Argentina e Val Roia, e al Monte Saccarello: dall’abitato si raggiungono le Grangie Colombera e, continuando fra i coltivi, le Case Vesignana, dove si trova un ex-caserma. Si segue poi verso sinistra la rotabile di collegamento Colle Melosa-San Bernardo di Mendatica e si arriva al Passo di Collardente (1601 m s.l.m.), sull’Alta Via dei Monti Liguri. Da qui, fra pascoli e affioramenti rocciosi, si sale fino al Monte Saccarello (2200 m s.l.m.).

Difficoltà: impegnativo

Tempo di percorrenza: 4h circa

Val Tanarello

Val TanarelloUn’interessante escursione parte dalla deviazione per la Val Tanarello che si trova a circa 5 km dal bivio per Viozene, presso Ponte di Nava: si lascia l’auto all’inizio della strada sterrata e si prosegue a piedi, attraversando il Torrente Negrone. Dopo il Ponte Schiarante si lascia a sinistra una diramazione e si prosegue lungo il percorso del Tanarello; si superano i ruderi in Località Isola e, lasciata sulla destra la strada per Maddalena Soprana, si continua fino al Ponte Tanarello (1041 m s.l.m.): da qui, deviando a sinistra, si raggiunge San Bernardo di Mendatica (1263 m s.l.m.), mentre a destra si può proseguire per Valcona Sottana.

Difficoltà: facile

Tempo di percorrenza: 3h circa

Piancavallo

PiancavalloDalla Colletta delle Salse (1623 m s.l.m.), si inizia a salire lungo una mulattiera che lascia aperta una meravigliosa panoramica sulla Val Tanarello: si giunge sul Bric Scravaglion (1745 m), un picco proteso sulla valle dal quale è possibile ammirare, contemporaneamente, il panorama delle Alpi a nord e del Mar Ligure a sud.

Il percorso procede lungo la linea di crinale, dapprima inoltrandosi parzialmente nel bosco e successivamente aprendosi sulla radura di Cian de Selle (1640 m s.l.m.), un ampio prato lambito da larici e da numerose altre specie di conifere. Proseguendo oltre, si entra nel Bosco Nero, così chiamato per il fogliame particolarmente fitto, e si esce sul Bricco di Pian Gelato (1600 m s.l.m.): uno spuntone roccioso dal quale, con un discreto strumento ottico e un po’ di fortuna, è possibile avvistare camosci sul versante esposto ad est.

Si scende ancora nel sottobosco per un breve tratto, sino alla Colla Bassa di Piancavallo (1545 m s.l.m.), altra radura di crinale aperta e soleggiata. Da qui il ritorno avviene sul medesimo tracciato dell’andata.

Difficoltà: media

Tempo di percorrenza: 4h

Cascate dell’Arroscia

Cascate dell'ArrosciaDalla Chiesa di Santa Margherita di Mendatica (783 m s.l.m.) parte una mulattiera che segue il pendio del vallone, per poi salire dolcemente nel bosco; attraversato il ponte dei Gruppin si giunge dopo una serie di tornanti al Passu Serena: qui, una deviazione a sinistra conduce alla base del salto delle Cascate dell’Arroscia (1004 m s.l.m.), alto più di 20 metri.

Altro punto di partenza per le cascate è il borgo di Montegrosso Pian Latte (721 m s.l.m.), da dove si può raggiungere in auto il Pilone Sant’Antonino (906 m s.l.m.): qui parte il sentiero che attraversa il bosco, raggiunge e supera il torrente, congiungendosi all’itinerario proveniente da Mendatica, poco sotto le cascate.

Difficoltà: facile

Tempo di percorrenza: 1h circa

La via delle malghe

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERADalle Cascate dell’Arroscia è possibile allungare l’itinerario percorrendo due diversi anelli:

  1. dal Passu Serena si continua a salire fino ad un pilone votivo (1146 m s.l.m.), dove si incontra un bivio. Si lascia a sinistra il sentiero che sale alle case abbandonate di Poilarocca e si prosegue a destra in discesa (indicazioni per Cian Prai e Lago). Si passa presso una fonte e si continua fino alle Case Pian del Lago (1155 m s.l.m.), in parte diroccate. Si prende a destra una vecchia mulattiera a tratti cancellata dalla vegetazione, che costeggia le case e scende verso Mendatica. Si continua a scendere verso est lungo un costone e, con una serie di tornanti, si ritorna alla chiesa di Santa Margherita;
  2. al pilone votivo sopra le cascate si prende la deviazione sulla sinistra che conduce in salita a Poilarocca (1424 m s.l.m.), storica malga oggi abbandonata; da qui si sale fino alla SP del Colle Garezzo, per proseguire poi a destra verso Case Penna (1560 m s.l.m.) e San Bernardo di Mendatica (1263 m s.l.m.): dal Colle, una mulattiera riporta a monte dell’abitato di Mendatica, presso la cappella di San Rocco.

Difficoltà: facile (anello 1) / impegnativo (anello 2)

Tempo di percorrenza: 3h circa (anello 1, compreso arrivo alle Cascate) / 6h circa (anello 2, compreso arrivo alle Cascate)

Bosco di Rezzo - Monte Monega (percorso automobilistico/escursionistico)

Bosco di Rezzo-Monte MonegaDal borgo di Rezzo (Valle Arroscia, a circa 10 km da Pieve di Teco), si segue in auto la strada che attraversa il centro abitato per addentrarsi subito dopo nella faggeta: dopo circa 11 km si arriva al Passo Teglia (1387 m s.l.m.), in posizione panoramica sulla dorsale Valle Arroscia-Valle Argentina. Dal valico è possibile continuare a piedi lungo una mulattiera che in meno di un’ora giunge al Sotto di San Lorenzo e al Passo della Mezzaluna (1454 m s.l.m.), luoghi già frequentati in età preistorica (restano un menhir e coppelle sacrificali). In altre due ore e mezza, percorrendo la via sterrata per le malghe dell’Alpe di Rezzo e una cresta erbosa con una spettacolare vista sulle Alpi del Liguri, si arriva al Monte Monega (1882 m s.l.m.).

Difficoltà: facile

Tempo di percorrenza: 3h e 30 min circa

Gola delle Fascette (percorso automobilistico)

Gola delle FascettePer questo tour panoramico in automobile si parte dal Colle di Nava e si attraversano i boschi delle Valli Negrone e Tanarello: dal Colle sulla SS 28 si scende a Ponte di Nava e si gira a sinistra per Viozene, in territorio piemontese; da qui si continua in direzione di Upega, fra le pareti rocciose della Gola delle Fascette. Si lascia a destra il bivio per la frazione di Carnino e si continua lungo la strada scavata nella roccia, nel tratto più stretto e suggestivo della gola: affacciandosi (in sicurezza) sul torrente è facile individuare il punto in cui questo si presenta quasi asciutto a causa della presenza di un inghiottitoio. A monte la valle si apre nella conca che ospita il borgo montano di Upega, poi la strada sale fra larici, abeti e faggi rientrando in Liguria, fino al Passo della Colletta (1623 m s.l.m.). Qui la vista offre un magnifico sguardo d’insieme della Val Tanarello, dove si può scendere alle malghe storiche di Le Salse e Valcona Sottana. Superati Piaggia e la frazione di Monesi di Mendatica si arriva a San Bernardo (1263 m s.l.m.), sullo spartiacque fra Val Tanrello e Valle Arroscia: da qui si può proseguire per Mendatica e Pieve di Teco oppure tornare sul Colle di Nava seguendo la strada panoramica dei Boschetti.